Oggetti Misteriosi Nello Spazio

by / Commenti disabilitati su Oggetti Misteriosi Nello Spazio / 915 View / 5 Dicembre 2020

a cura del Dr. Giovanni Lorusso ( IK0ELN – 1GIR00)

OGGETTI MISTERIOSI NELLO SPAZIO

L’Universo non smette mai di affascinarci. Dopo una scoperta, eccone pronta un’altra. E il ciclo continua. Questa volta la sensazionale scoperta è avvenuta in banda radio, dove un gruppo internazionale di astronomi ha scoperto un nuovo tipo di oggetti osservati nel corso di un’indagine preliminare del progetto Australian Square Kilometre Array Pathfinder’s Evolutionary Map of the Universe denominati Odd Radio Circles (ORCs). Di che si tratta? Gli ORC sono per lo più circolari, addirittura uno ha la forma di un disco, e tre sono più luminosi attorno ai bordi (Fig.1)

 

Ovviamente questi oggetti misteriosi possono essere individuati solo con i radiotelescopi, in quanto sono completamente invisibili in banda ottica, ai raggi X, e raggi infrarossi. Va aggiunto a quanto già detto che non sono assimilabili a nessun tipo noto di oggetto; insomma: oggetti celesti davvero misteriosi. Occorre dire che le configurazioni di forme circolari sono già note nelle immagini radioastronomiche, in quanto rappresentano un oggetto sferico come, ad esempio, un residuo di una Stella Supernova, oppure una nebulosa planetaria o un disco protoplanetario o una galassia (Fig.2).
Ma l’oggetto di questa scoperta non risponde a nessuno dei prototipi elencati precedentemente. Ed allora? Sono dischi volanti? Ma quali dischi volanti! Il team di astronomi ha attentamente esaminato altre fonti per individuare qualcosa di simile Ed ecco che hanno trovato il quarto cerchio, nascosto nei dati di ricerca raccolti dal radiotelescopio Giant MetreWave in India nel 2013. Di pari gli ORC trovati nei dati di altri radiotelescopi, escludendo che si trattasse di oggetti alieni. Quindi cosa potrebbero essere questi strani oggetti osservati in banda radio? Il team di radioastronomi hanno ipotizzato diversi scenari che potrebbero spiegare i misteriosi oggetti catalogati come ORC.

 

 

Orbene, escludono i resti di stelle supernova; escludendo le nebulose planetarie galattiche, ciò confermerebbe che questi oggetti sono molto più comuni di quanto si pensasse in precedenza. Dopo attenta analisi dei dati il team è giunto alla conclusione che gli ORC possano essere un tipo di onda sferica circolare che è apparsa in seguito a un evento transitorio extra-galattico, ad esempio una potente fusione di stelle di neutroni (Fig.3).

 

 

Altra ipotesi potrebbe essere che gli ORC rappresentino una nuova categoria di un nuovo fenomeno che si formano nell’Universo; vedi i getti di una galassia radio (Fig.4) [le radiogalassie sono galassie caratterizzate da un’emissione di onde radio molto intense] o di un blazar (Fig.5) [un blazar è una sorgente altamente energetica, variabile e molto compatta associata a un buco nero supermassiccio situata al centro di una galassia ospitante] osservati alla fine del fenomeno.

 

 

Occorreranno pertanto ulteriori osservazioni in banda radio per capire meglio cosa potrebbero essere esattamente questi oggetti. Beh, fermiamoci qui; altrimenti ci creiamo una confusione mentale tale da non ragguagliarci più. Sta di fatto che l’Universo, per quel poco che noi conosciamo, è ricco di incognite che, a poco alla volta, si riescono a scoprire. E quella degli ORC è una di questa!

Dr. Giovanni Lorusso (IK0ELN – 1GIR00)